Santo Stefano davanti ai giudici

Vittore Carpaccio, Santo Stefano davanti ai giudici

Il telero che racconta la scena di santo Stefano davanti ai giudici, come abbiamo già accennato nell’introduzione, è andato perduto. Ne rimane soltanto un disegno conservato alle Gallerie degli Uffizi di Firenze. Da questo disegno possiamo notare che il Santo è portato nel tribunale ebraico, il Sinedrio, dagli ebrei che, vinti nella disputa, lo accusano. Senza accertare realmente le ragioni di Stefano, lo condanneranno a morte per lapidazione1. Una tenda apre la visione verso un paesaggio dove si scorgono montagne. Seduti nel tribunale stanno i giudici, con lunghe barbe dallo stile orientale. Altri schizzi che Carpaccio realizza per preparare il dipinto, soprattutto per lo studio delle teste, li possiamo trovare al British Museum di Londra2.

Maestro Vincenzo


[1] Cfr. M. Cancogni – G. Perocco, L’opera completa del Carpaccio, Rizzoli Editore, Milano 1967, 108.
[2] Cfr. G. Ludwig – P. Molmenti, Vittore Carpaccio. La Vita e le Opere, 250-251.